Tu sei qui: Home / Notizie / Evidenza / La vicenda Con.ami e il difficile dialogo tra Enti

La vicenda Con.ami e il difficile dialogo tra Enti

Pubblichiamo il documento/comunicato integrale dell'Amministrazione comunale, a firma del Sindaco Stefano Golini, che illustra i motivi di cautela nella distribuzione delle riserve Con.ami e segnala elementi di preoccupazione nelle difficili relazioni interistituzionali che si sono venute a creare negli ultimi mesi
COMUNICATO / analisi della situazione

Per guidare e rappresentare un territorio di area vasta (intercomunale) occorrono competenza, disponibilità reale al dialogo, capacità di visione e coesione territoriale

A) Il Con.Ami è patrimonio comune: non può essere depredato a colpi di maggioranza!

Dopo tre mesi di attacchi e picconate al Con.Ami e alle altre strutture del più vasto sistema territoriale imolese, è assurdo ed infantile che ora il Comune di Imola arrivi con il cappello in mano ad elemosinare quattrini proprio dalla società che ha voluto prima azzoppare poi decapitare mostrando l'assenza di qualsiasi visione strategica.
La pretesa del Comune di Imola di ottenere ora -a semplice richiesta- il sostanziale prosciugamento delle riserve Con.Ami è di certo  azzardata, per almeno tre ordini di motivi:

1) il Consorzio è tuttora privo del CdA (anzi, peggio: è "ostaggio" dell'unico consigliere non dimissionario), a cui spetterebbe la competenza di fornire ai soci un qualificato e documentato parere sull'opportunità o meno di mettere mano alle riserve, che sia fondato
sull'analisi dell'andamento economico in atto e sulle prospettive di sviluppo;

2) da quanto per ora è dato sapere, si delinea in prospettiva una flessione nella capacità di Con.Ami di generare utili da distribuire ai soci (ciò a causa soprattutto della chiusura della discarica Tre Monti, cavalcata dalla Sindaca in campagna elettorale e tuttora caldeggiata pur in pendenza del pronunciamento del Consiglio di Stato previsto per dicembre); svuotare i granai può aver senso quando le messi già biondeggiano copiose, è assurdo ed irresponsabile quando i campi sono aridi e si prospettano annate di carestia...!

3) pur in assenza di un CdA nel pieno delle sue funzioni, durante l'assemblea del 3/10 l'organo di revisione ha comunque svolto il suo ruolo, evidenziando che le riserve disponibili sono ridotte a meno di 4 milioni, e che la liquidità è ridotta a meno della metà, quindi insufficiente a far fronte alla richiesta del Comune di Imola di distribuire 3,130 milioni, che conti alla mano equivale a portar via d'un colpo i quattro quinti della disponibilità e ad indebitare il Consorzio per quasi la metà della richiesta.

Personalmente ritengo che nessun CdA -specie se di nuova nomina- possa assumersi la responsabilità di avallare la pretesa del socio di maggioranza, e tantomeno l'Assemblea debba farsi carico di una richiesta di questa portata e di queste dimensioni.
Opportune perciò le modifiche statutarie che, avendo adeguato lo Statuto del Con.Ami alla recente normativa sulle società partecipate, mettono al riparo da decisioni unilaterali avventate. A tal proposito va tuttavia evidenziato che decisioni importanti come il riparto delle riserve sono state assunte in passato sempre all'unanimità dei 23 Comuni, compresa l'ultima delibera in tal senso, ad inizio giugno di quest'anno quando -peraltro con l'Assemblea presieduta non dal Sindaco di Imola ma dal Commissario straordinario-date le incertezze legate alla sentenza del TAR, si decise di evitare di indebolire ulteriormente il Consorzio, rinunciando alla distribuzione di riserve.

Anche oggi la Presidenza dell'Assemblea dovrebbe ricercare la sintesi di tutte le posizioni, non lo scontro; e dovrebbe ricercare il bene della struttura comune, non il proprio interesse di parte.

B) Il dialogo non si sbandiera, si fa!

A tal proposito, leggo nei comunicati e nelle interviste degli ultimi giorni che l'Amministrazione Comunale di Imola avrebbe "cercato in qualsiasi modo la soluzione del dialogo" e "provato a interloquire con tutti i sindaci presenti in Con.Ami dando la massima disponibilità".

Ma quando mai?

Sul Con.Ami è stata imboccata fin da subito una strada che è l'antitesi del dialogo, fin dalla maldestra assemblea del 3/8 convocata  d'urgenza in via straordinaria con la pretesa di affrontare in una sola seduta un OdG che avrebbe richiesto mesi di approfondimenti e confronti. È dialogo un blitz che ci metteva di fronte al tentativo di scardinare la struttura del Con.Ami, senza il minimo confronto  preliminare?

È dialogo forse, il pressing sul CdA che pure aveva ricevuto il sostegno e il riconoscimento di 22 soci su 23, applicando con un'aggressività senza precedenti uno spoils system improprio e inammissibile fino a provocarne le dimissioni? (sì, improprio e inammissibile: perchè ammesso ma non concesso che il Comune di Imola possa pretendere di cambiare i propri dirigenti, non può certo imporre unilateralmente lo stesso metodo anche per le strutture e società condivise con altri!).

È dialogo poi il tentativo di ascolto reciproco abbozzato nella successiva riunione di coordinamento indetta per rimediare la "frittata", da cui in effetti erano usciti positivi accordi poi smentiti dalla sindaca (o probabilmente da chi sta dietro di lei)?

È dialogo, da ultimo, la pretesa di "prelevare" dalle riserve Con.Ami ben più della disponibilità liquida esistente (vedi sopra), senza  neanche un "parliamone", per poi passare immediatamente alla polemica e alla mobilitazione della piazza?

Non è questo il dialogo, né a livello interpersonale (nel dialogo, gli impegni presi si mantengono!), né tantomeno a livello  interistituzionale, dove le scelte richiedono processi chiari, adeguati e non improvvisati.

Infine, se guardiamo oltre il Con.Ami, vogliamo parlare del resto? Il quadro è desolante:

– proprio il Comune di Mordano ha subìto per primo, a pochi giorni dall'insediamento della Giunta di Imola, la decisione unilaterale di tenerci fuori da Area Blu senza nemmeno il garbo istituzionale di interpellarci (non sembri questa una recriminazione -tutt'altro!- poiché adesso quella scellerata ed irrispettosa prepotenza si trasforma in un clamoroso boomerang per Imola e in una inaspettata opportunità per Mordano, in quanto ci conferisce il diritto di veto proprio sulla nomina del Presidente e del CdA di Con.Ami: v. art. 26 Statuto);

– sempre in luglio, ai primi passi della Giunta imolese, altra frattura territoriale, quando Sindaca ed Assessore imolesi senza alcun   preavviso e tantomeno senza alcuna concertazione almeno in Circondario, annunciano in Atersir (Autorità regionale per il servizio idrico e i rifiuti) l'intenzione di uscire dall'ambito territoriale, per creare una propria società in house: non è dato ancora sapere se tale annuncio sia poi sfociato in atti formali; se così fosse sarebbe vanificato il lavoro di tre anni per predisporre la gara e giungere finalmente all'assegnazione del servizio di gestione dei rifiuti con procedure di evidenza pubblica;

– nessun dialogo neppure nell'imposizione unilaterale del proprio metodo di selezione tramite avviso pubblico, con la pretesa di  imporre a tutto il sistema territoriale le proprie regole e i propri criteri interni, deliberati in luglio dal Consiglio Comunale di Imola (vedi selezioni per candidati consiglieri Con.Ami, presidente Area Blu, consigliere Acer, dirigenti Nuovo Circondario Imolese, ecc.);

– nessun dialogo, poi, nel tentativo di imporre come "fatto compiuto", senza alcun confronto preliminare né consultazione preventiva, le proprie scelte dirigenziali sulle gestioni associate di funzioni conferite al Nuovo Circondario Imolese, come se gli altri territori fossero un'appendice di Imola, e non Enti di pari titolo e pari dignità;

– infine, anche in materia socio-sanitaria l'atteggia mento è stato, almeno fino a questo momento, di rigidità e di incapacità di   interpretare il ruolo di Comune Capo Distretto: tanto in Conferenza Socio Sanitaria Metropolitana, dove il Comune di Imola pare   rappresentare solo sè stesso e non l'intero Distretto, quanto all'interno del Distretto stesso -che coincide con il Nuovo Circondario  Imolese- dove sia sull'adozione di documenti programmatici ed organizzativi, sia sul parere per la nomina del Direttore di Distretto AUSL abbiamo assistito solo a chiusure e dinieghi, ossia il contrario di quel "buon senso nell'ottica di assoluta collaborazione istituzionale tra gli enti nell'interesse dell'intera collettività" che viene auspicato da via Mazzini.

Un auspicio a parole, contraddetto -finora- dai fatti. Il dialogo non si sbandiera, si fa!

Vedremo se nel futuro la collaborazione continuerà ad essere invocata solo quando conviene -come nel caso della distribuzione delle riserve Con.Ami- o anche quando è dovuta istituzionalmente, specie da parte di chi -come Imola- ha la responsabilità di guida e di equilibrio di un territorio più vasto.

Per l'Amministrazione Comunale di Mordano
Il Sindaco
Dott. Stefano Golini
pubblicato 09/10/2018 12:30, ultima modifica 12/10/2018 14:07
Accesso Diretto
Contatti

UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - URP

Via Bacchilega, 6 - 40027 Mordano(BO)

TELEFONO

0542 56911

EMAIL

ORARI

lun-mar-mer-ven-sab
9:00-12:30

giovedì uffici chiusi al pubblico

Valuta questo sito